È ora di smettere di fumare
Maggio 24, 2024
Cancro ai polmoni

Cancro ai polmoni

Il fumo provoca il cancro ai polmoni nel modo seguente
1) Danneggia le cellule che compongono i polmoni a causa dell’inalazione di agenti cancerogeni dalle sigarette. Cambiamenti del tessuto polmonare.
2) L’esposizione prolungata al fumo provoca sempre più danni alle cellule che compongono i polmoni. A poco a poco il tessuto danneggiato inizia a dominare.
3) Le cellule si trasformano in maligne e si sviluppa il cancro.

Tipi di cancro ai polmoni
Più della metà dei tumori si sviluppa nella parte superiore dei polmoni.
Il consumo di tabacco è il più grande rischio di cancro ai polmoni, quindi considera di smettere.
A seconda del tipo di cellule che lo compongono, il cancro del polmone si divide in cancro a piccole cellule e cancro non a piccole cellule.

In base al tipo di cellule epiteliali, il carcinoma non a piccole cellule si divide in:
1) Adecarcinoma – si sviluppa dalle cellule che secernono muco (muco);
2) Carcinoma squamocellulare – si sviluppa dalle cellule epiteliali che ricoprono le vie aeree;
3) Carcinoma a grandi cellule – si sviluppa da un altro tipo di cellula.

– Mancanza d’aria
– Male alla testa
– Tosse prolungata che non si placa
– Tosse con espettorato
– Tosse con espettorato sangue
– Dolore osseo
– Pugnali al petto o dolore inspiegabile
– Cambio di voce e voce rauca
– Rapida perdita di peso
– Sudorazioni notturne
– Temperatura inspiegabilmente alta

Quando vedere un medico?
Se fumi da molto tempo o hai sintomi, fissa un appuntamento con un medico. Il cancro del polmone non ha sintomi nelle sue prime fasi. Con il progredire della malattia, i sintomi possono essere:

Trattamento del cancro del polmone
Nel cancro del polmone, prima viene rilevato il tumore, maggiori sono le possibilità che venga curato. La rilevazione del cancro nelle fasi iniziali è quasi impossibile perché il cancro non si vede su una radiografia e non ha sintomi. Circa il 70% dei pazienti potrebbe sopravvivere cinque o più anni se il cancro viene diagnosticato precocemente. Il risultato finale è solitamente fatale. Se dieci anni fa non c’era possibilità di cura o meglio di prolungamento della vita del paziente, oggi esistono trattamenti innovativi che possono in alcuni casi prolungare la vita del paziente.

1) Immunoterapia. Ha lo scopo di aumentare la risposta immunitaria del paziente contro il tumore e ridurre la soppressione indesiderata del sistema immunitario dopo radiazioni e chemioterapia.
2) Radioterapia. È indicato nei pazienti con carcinoma a piccole cellule e nei pazienti nei quali il trattamento chirurgico è controindicato. La radioterapia palliativa viene utilizzata in pazienti con dolore severo dovuto a metastasi ossee, compressione della vena cava superiore, metastasi cerebrali e altri.
3) Chemioterapia. Provoca una serie di effetti collaterali come vomito, nausea, fibrosi polmonare e altri.
4) Asportazione chirurgica di un polmone, del suo lobo o di una parte più piccola a seconda della prevalenza.
5) Trattamento sintomatico come analgesico.

Ulteriori informazioni sul cancro del polmone

Mi piace questo articolo
+2